Questa deliziosa spezia, oltre che essere l’ingrediente principale del curry, è anche, un rimedio largamente utilizzato dalla medicina ayurvedica. Coltivata in India e, più in generale, nel sud-est asiatico è uno degli alimenti più antinfiammatori, disintossicanti e antiossidanti esistenti.

L’integratore curcuma, quindi, è in grado di apportare numerosi benefici per la nostra salute. Ma, seppure sinteticamente, vediamo le ragioni per quali è utile assumere questa tipologia di integratore per salvaguardare il nostro benessere e la nostra salute.

Perché scegliere l’integratore curcuma
Curcumina – Curcumin X4000

Perché scegliere l’integratore curcuma

Utilizzata per scopi terapeutici nella medicina tradizionale indiana e acclamata per secoli in Asia, la scienza moderna ha evidenziato le virtù disintossicanti, antiossidanti e anti-infiammatorie della curcuma. Pur tuttavia, per godere di tutti i suoi molteplici benefici, non è sufficiente aggiungere un pizzico di curcuma nel piatto.

VIDEO: Il mio Medico, Curcuma: come usarla per stare bene

Quindi, dato che le dosi che consentono di sfruttare i suoi benevoli effetti terapeutici risultano essere superiori alle dosi utilizzate in cucina, il modo migliore per assumere la quantità utile è quello fornito dall’integratore curcuma. Solo così, quindi, si potrà avere tutti i benefici prodotti dalla curcumina, ovvero il componente principale della curcuma.

Leggi anche il prossimo articolo: Uno sguardo più vicino a un integratore molto interessante

Il Cordyceps è un fungo che vive su alcuni bruchi nelle regioni montagnose più alte della Cina che viene utilizzato da secoli come rimedio naturale cinese e che, negli ultimi anno sta spopolando in Occidente come efficace integratore. Trattandosi di un prodotto particolare viene spontaneo chiedersi quanto la raccolta di questi bruchi possa inficiare sulla disponibilità di questo prodotto.

Le proprietà antinfiammatorie della curcuma, risultano essere particolarmente efficaci in presenza di infiammazione oculare, gengivite, edema post-operatorio, morbo di Crohn, colite ulcerosa, intestino irritabile, artrite, infiammatorie croniche e non solo. 

Andando a concludere, oltre che proteggere le articolazioni e combattere l’artrosi, sotto forma di integratore aiuta a disintossicare il fegato e a migliorare la digestione, così come facilità l’azione antiossidante, antidepressiva e a prevenire le malattie cardiovascolari, favorendo una circolazione sanguigna migliore.

Posta dalla stessa categoria: