Una donna può decidere di cambiare il colore dei propri capelli per molti motivi: una delusione d’amore, per essere alla moda, per sentirsi più seducente o semplicemente perché il sole e la salsedine hanno rovinato il proprio colore.

La prima regola (consigliata dagli hair stylist delle dive), è che non esiste un colore (anche se alla moda), che stia bene a tutte le donne. Ogni donna deve scegliere il proprio colore in base a diversi fattori fra cui il colore della pelle, il colore degli occhi e il proprio stato d’animo.

Per le donne “giovanissime” il discorso cambia. Possono osare quanto vogliono, poiché, grazie alla loro età, raramente creeranno un effetto sgradevole.
Invece, per quanto riguarda le donne oltre i quarant’anni, dovrebbero assolutamente sapere che schiarire i capelli aiuta ad avere un aspetto più fresco e giovanile.

Ogni colore ha un proprio “effetto” e comunica determinati messaggi, qui di seguito verranno riportati i colori più usati e le loro facoltà:

Il biondo: dà più luminosità al viso e addolcisce i lineamenti però, il consiglio per chi ha deciso di optare per questo colore, è di evitare una tinta compatta ma di usare delle nuances diverse, sulla radice, sulle punte e sulle lunghezze.

Il nero: decisamente più aggressivo del biondo, è una tinta molto “rock”. Si addice di più alle ragazze molto giovani. Il nero però ha un difetto, tende a evidenziare i lineamenti (e quindi i difetti) del viso. Labbra troppo pronunciate e zigomi troppo alti uniti al nero, potrebbero dar luogo ad un effetto poco “fine”.

Il castano: è l’unica tinta indicata per tutte le età. L’unico consiglio per questo colore è di scurire di un tono le radici, così da mantenere un colore intenso intorno al volto e di esaltarne i lineamenti (soprattutto se regolari). Un altro consiglio è quello di effettuare i famosi test di sensibilità, poiché le principali sostanze usate nelle tinte sono l’ammoniaca e la parafenilendiammina, che molto spesso sono fonti di allergie e di irritazioni cutanee.

Le principali regole del fai da te:

Non bisogna mai cambiare il proprio look per copiare una modella o una conoscente, si rischierebbe di usare un colore che non si addice al nostro volto e al nostro incarnato. Il consiglio di un esperto può essere molto importante perché raramente si ha una visione oggettiva di se stesse.

Dopo una tinta è molto importante fare un impacco ricostruttivo, poiché le tinte tendono a sfibrare e inaridire i capelli. Molto utili in questo caso sono gli impacchi a base di olii.

La cura dei capelli deve essere accurata quanto quella del viso. Bisogna scegliere sempre prodotti di buone marche. Inoltre bisogna sempre seguire alla lettere le procedure di applicazione di un prodotto.
Avvertenze per chi da mora vuole diventare bionda

Bisogna rivolgersi al proprio parrucchiere, perché molto spesso si necessiterà di una decolorazione, o bisognerà schiarire i capelli gradualmente.
Il fai da te è sconsigliato anche perché si potrebbe ottenere una tinta strana, sui toni dell’arancione.
Insomma, il colore dei capelli è una questione molto delicata da trattare ma rivolgendosi alle persone giuste e usando prodotti conformi alle nostre esigenze, il risultato sarà sicuramente dei migliori.

Si prega di leggere l’articolo sul tema della di ciglia.

Posta dalla stessa categoria: